RUOTA CULT - Dal progetto segreto alla ruota cult

1978 - Il progetto segreto

La ruota Turbo RONAL è stata sviluppata in maniera del tutto non convenzionale per gli sport a motore. L'avvio della produzione non è dipeso in questo caso da una decisione amministrativa o del reparto marketing. Piuttosto è stato realizzato come "progetto segreto" a tempo perso. Dobbiamo ringraziare Harald Ertl, promotore della ruota cult, che detenne il titolo di campione delle corse automobilistiche nel 1978 sulla BMW 320 turbo. L'austro-tedesco ha affascinato per lungo tempo il responsabile dello sviluppo RONAL di allora finché quest'ultimo ha progettato la ruota Turbo RONAL a tre componenti.  Parallelamente all'audace Turbo, Harald Ertl concepì una macchina da corsa del gruppo 5 sul modello della leggendaria Lotus Europa. Con questo spirito pionieristico, si assicurò un'indiscussa pubblicità e di lì a poco avrebbe riscosso il successo della Ertl-Lotus.

1979 - Sul rettilineo di arrivo

Sul numero di febbraio del Rally-Racing, Harald Ertl confessò per la prima volta agli esperti del settore i progetti sui quali stava lavorando. Già nell'edizione di giugno, il titolo del numero fu: "ECCOLA! La nuova Super-Lotus di Ertl. Uwe Mahla presentò ai meravigliati appassionati di rally l'innovativa vettura da corsa in maniera minuzionamente dettagliata e dandole grande risalto. Sulla parte visibile delle ruote venne quindi inciso "RONAL" e "RACING". Il veicolo era equipaggiato con ruote anteriori di dimensione 10x16“ e posteriori di 13x19“. Finalmente il responsabile dello sviluppo tirò un sospiro di sollievo. La "segretissima" ruota Racing RONAL catturò un'attenzione inaspettata da parte della stampa specializzata e non dovette più restare nascosta dietro le quinte. Il 2 e il 3 giugno 1979 venne il suo momento: la ruota racing RONAL debuttò alla corsa dei 1000 km del Nürburgring. Tra i veicoli concorrenti erano presenti le più famose vetture da racing, GT e da rally in edizione limitata. Partito in 19esima posizione sulla griglia di partenza, Ertl mostrò il potenziale della sua costruzione. Durante la corsa raggiunse già la 12esima posizione, finché non dovette ritirarsi per motivi tecnici.  Ma appena tre mesi dopo, durante la gara interserie sul circuito di Hockenheim, Ertl si aggiudicò un notevole 5° posto nella divisione II.

1983 - Dalla pista alla strada:  "RONAL RACING" diventa "RONAL TURBO"

Nell'estate del 1983, RONAL iniziò a modificare l'ambita ruota RACING RONAL sulla base delle caratteristiche stradali. Per ottenere una funzionalità e una struttura dei costi ottimali, questo capolavoro è stato trasformato in una ruota in lega di alluminio forgiata in un unico pezzo con la superficie visibile pratica e tornita a specchio. L'incisione "RACING" è stata modificata in "TURBO". Il nuovo nome indicava i raggi che esercitavano un raffreddamento freni particolarmente efficiente sulla parte interna della ruota. Subito dopo seguirono le dimensioni 6 1/2 e 7Jx15, 7 e 8Jx16, che vennero autorizzate a diversi impieghi.

1985 - La vincitrice del test di verifica

Sull'immagine di copertina del numero di ottobre di "auto, motori e sport", la ruota Turbo RONAL fu la vera star e durante il test di verifica delle ruote, di cui la ruota Turbo RONAL detenne la vittoria, venne elogiata come "tecnologia del futuro".

1999 - La RONAL Turbo inizia una nuova produzione

Nel 1999, in occasione dell'IAA (Esposizione internazionale dell'automobile) svoltasi a Francoforte sul Meno, RONAL presentò la "nuova" RONAL R10 Turbo. Erano diventati necessari un nuovo look e modifiche tecniche per poter equipaggiare con Turbo anche le autovetture moderne.

2009 - La ruota cult

25 anni dopo la sua introduzione sul mercato, la ruota Turbo RONAL è diventata un cult. Con l'R50 AERO, RONAL ha continuato a sviluppare coerentemente il Turbo per trasformare la ruota cult in una variante al passo coi tempi destinata al 3° millennio.